Tecniche di rilassamento

Accademia Samavaya - Lissone

    

Accademia Samavaya - Metodi e tecniche di rilassamento

 

Metodi e tecniche di rilassamento, sedute e trattamenti individuali, corsi individuali e di gruppo, formazione operatori.

  

Il rilassamento

 

Prima di presentare quanto l'accademia Samavaya può offrire è opportuno introdurre i concetti fondamentali che definiscono la "nostra idea di rilassamento".

 

"Rilassarsi" è un termine così generico che può essere riferito a stati diversi stati di coscienza e si presta dunque a livelli diversi di comprensione.

 

Il rilassamento è un atto naturale che "accade" in conseguenza allo svolgimento di un'azione, il muscolo in tensione si rilassa, questo accade dopo uno sforzo o non appena si abbia la percezione di "avere concluso" (anche mentalmente) quanto si intendeva realizzare.

Esiste inoltre un piano di rilassamento che mostra una sfumatura diversa ma collegata a quanto appena affermato: il rilassamento avviene quando siamo impegnati in un'attività piacevole, ricreativa e si verifica, spontaneamente, in quelle situazioni di vita in cui ci si sente gradevolmente soddisfatti di quanto si sta facendo o sta accadendo.

  

Ognuno ha i propri modi e strumenti per distendersi e possono essere distinti in:

 

siamo però obbligati a estendere all'infinito questa lista che dovrebbe comprendere i mille modi e strategie estremamente personali che ognuno di noi mette in atto per distendere il corpo e liberare la mente.

 

Il rilassamento ci serve solitamente per allentare tensioni muscolari, contenere stati d'ansia o depressivi, uscire dalla routine, ridurre uno stato di eccessiva attività mentale, attenuare cefalee, ma anche più semplicemente per riuscire a prendere sonno, dormire, riposare più profondamente.

Poco si pensa all'importanza del rilassamento utilizzato per affrontare situazioni stressanti, momenti della vita particolarmente impegnativi o come utile mezzo per andare, ad esempio, alla ricerca delle motivazioni di una "stanchezza cronica".

 Ancor meno si pensa al rilassamento come uno stato di coscienza da cui può iniziare un cammino spirituale, un percorso di evoluzione personale orientato alla risoluzione di una insoddisfazione interiore.

Il rilassamento è un atteggiamento, un modo di essere in cui ci si libera dalle aspettative relative alla propria condizione. Il rilassamento corrisponde a uno stato di presenza e disponibilità alla vita che si presenta a noi.

 

Fatta questa premessa abbiamo osservato e riteniamo che a volte possiamo entrare in stati di rilassamento poco profondi e non duraturi proprio perché molto collegati all'ambiente esterno e particolarmente connessi all'oggetto stesso del rilassamento. In altri termini lo stato di benessere e calma dura fino a quando siamo in contatto con l'oggetto che utilizziamo per tranquillizzarci.

Un semplice esempio: guardare la televisione può aiutare a distenderci ma se quella è l'unica fonte di rilassamento e ne veniamo improvvisamente privati ci viene tolto l'elemento da cui origina il rilassamento stesso ponendo fine allo stato nel quale ci si trovava fino a istante prima (può essere questo, secondo lo yoga, un possibile punto di origine per la comprensione di uno stato di "dipendenza" psico-fisica).

 

I nostri modelli culturali attuali ci spingono a una ricerca spasmodica del risultato, della ricchezza materiale, del dominio su noi stessi, sugli altri, sull'ambiente, tesi verso un ipotetico futuro. Anche lo svago e le vacanze seguono questo schema. Una società in cui facilmente dominano l'egoismo e l'arroganza ci costringe a non abbassare mai la guardia, ad essere sempre "all'altezza" di questo folle correre.

 

Correre per inseguire oggetti, privilegi, confort, comodità o l'immagine proiettata nel futuro di quello che non siamo ma potremmo diventare. Questo modello genera ansia, impedisce uno stato di rilassamento, toglie umanità all'uomo, impedisce il libero fluire, nella coscienza, del sentire naturale, della spontaneità e della creatività fonti essenziali di realizzazione interiore. Dicono i maestri: "cercare la serenità e la tranquillità nelle cose esteriori, in un luogo di preghiera, nella società che conta, in un certo modo di agire, in una bella casa, in opere nobili, nel successo, nella fama, qualunque sia la grandezza a cui si aspira non è niente, non conta niente, non porta niente, tanto meno la pace".

  

Le pratiche proposte presso l'accademia Samavaya si riferiscono alla ricerca e a un'educazione al "rilassamento consapevole interiore".

 

Un rilassamento che, attraverso una distensione profonda di corpo e mente, possa diffondersi verso tutti i piani dell'esistenza. Un rilassamento che, per quanto possibile, non sia in relazione a un oggetto esterno a noi ma direttamente originato da un atteggiamento interiore equilibrato, sperimentato in relazione alla nostra stessa vita.

 

Un tale stato di rilassamento crea una condizione creativa del nostro modo di vivere traendo dalle infinite potenzialità della coscienza la forza per una piena realizzazione.

Il rilassamento diventa così non solo un momento di svago e distrazione provvisoria e occasionale ma uno stato d'essere, uno stato di apertura alla vita, al nostro essere, alla realtà, al mondo. Il rilassamento non serve solo ad allentare tensioni (qualsiasi droga è in grado di farlo) ma è uno stato che ci introduce al nostro essere più profondo. Attraverso il rilassamento sviluppiamo le potenzialità latenti presenti in noi. Capita spesso, anche nella storia, di sentire che soluzioni a problemi sono spesso avvenute nei momenti più rilassanti.

 

Creatività, bellezza interiore, armonia sono le dimensioni a cui possiamo avere accesso attraverso l'uso corretto delle pratiche che in Accademia proponiamo.

Grazie all'esperienza dello yoga, della meditazione e delle discipline bio-naturali praticate ed elaborate nel corso degli anni e sviluppate attraverso la pratica di migliaia di trattamenti effettuati possiamo intendere il rilassamento in senso globale, educativo, concreto ed efficace.

Grazie ad alcune discipline bio-naturali abbiamo potuto sviluppare una ottima capacità nel portare il corpo ad uno stato di rilassamento ottimale.

Grazie alla reflessologia del piede, ad esempio, abbiamo potuto sviluppare un trattamento specifico in grado di arrivare a risultati straordinari ai quali generalmente la reflessologia, come è tradizionalmente insegnata e praticata, non è in grado di arrivare, soprattutto nei tempi brevi che un tipo di lavoro come il nostro riesce a fare.

 

Attraverso metodi come l'Ortho-Bionomy possiamo fare in modo che tutto il sistema articolare venga rilassato in modo sapiente, gradevole, completo. La caratteristica di trattamenti rilassanti è quella di agire in modo opportuno sul corpo attraverso una conoscenza estremamente accurata dei ritmi vitali.

Agendo nel pieno rispetto dello stato della persona che incontriamo riusciamo a sincronizzare tutti i piani corporei riconducendoli a quel senso di unità che permette di sentire un fluire distensivo della vitalità.

Abbiamo appreso nel corso di questi anni come con lo yoga il rilassamento diventa ingresso e premessa alla meditazione. Rilassamento è uno "stato di abbandono". Una sospensione delle attività volontarie. È solo quando non abbiamo tensioni disturbanti che il rilassamento stabilizza corpo e mente e diventa preludio alla meditazione e alla contemplazione. Attraverso tali stati veniamo orientati alla "pienezza dell'esistere".

 

Riteniamo inoltre che "rilassamento" non vuol dire creare uno stato di assenza di tono e di vuoto mentale, al contrario il rilassamento diventa mezzo per realizzare una visione della vita più integrata, vitale, dinamica ma nello stesso tempo equilibrata e non frenetica.

Attraverso il rilassamento le risorse della persona si attivano, recuperiamo forza e chiarezza mentale.

L'individuo ritorna a sé stesso, non è più legato ad alcun oggetto. Grazie alla capacità di distaccarsi dagli oggetti delle nostre ansie e preoccupazioni acquisiamo modi alternativi di percepire e intervenire sulle nostre problematiche interne ed esterne.

Quando eseguiamo un trattamento rilassante abbiamo il vantaggio di non essere presi dall'ansia del curare né del diagnosticare ma semplicemente di fare sperimentare uno stato di distensione consapevole. La realtà viene compresa, da un nuovo punto di vista, un punto di vista che nasce dal profondo del nostro essere.

 

Con le pratiche che suggeriamo ci occupiamo di rilassare il corpo senza perdere di vista il fluire del nostro stato di coscienza e dei nostri pensieri durante il rilassamento stesso.

Rilassare il corpo vuol dire portare la muscolatura in uno stato di distensione, permettere alla circolazione e al respiro d'essere in uno stato naturale, regolare i tanti ritmi interni che ci animano. Un'arte tutt'altro che semplice. Stiamo parlando di un processo di interiorizzazione profondo e non certo del massaggio rilassante che può essere proposto in un centro benessere qualsiasi.

Veniamo accompagnati al rilassamento in modo graduale e molto personale, consapevoli che il rilassamento è l'arte del contatto con la propria natura interna, esistono infiniti gradi di profondità e di accesso alle meravigliose dimensioni della nostra coscienza.

 

Oltre ai trattamenti rilassanti teniamo corsi di gruppo e corsi di formazione per tutti coloro che vogliono utilizzare le nostre tecniche a scopo professionale. I corsi sono strutturati a weekend e proposti in modo tale da offrire il massimo dell'apprendimento in tempi veloci.

Alcune pratiche sono a mediazione corporea (trattamenti al corpo) altre di tipo sensoriale (ascolto musicale) altre ancora da ricevere in acqua termale.

Le tecniche e i metodi proposti non sono da considerarsi trattamenti terapeutici ma rivolti al benessere globale della persona per un rilassamento indipendente dallo stato di salute o malattia in cui la persona si trova.

Il rilassamento è stimolante della vitalità e utile per il potenziamento delle risorse vitali dell'individuo.